La Fantasia al Litto, il matrimonio perfetto tra gusto e passione.

1

A Quadrelle, paesino di confine tra la provincia di Napoli e quella di Avellino, nasce questo caratteristico e carinissimo posto che si chiama La Fantasia a Litto, ci dicono che si mangia un ottima pizza e che il patron Stefano, utilizzi per i suoi impasti solo lievito madre. Ovviamente abbiamo deciso di andarci e verificare se quelle che si raccontano sono leggende metropolitane, oppure se corrispondono al vero.
Siamo stati alla Fantasia al Litto un Venerdì sera, fortunatamente era presente poca gente, l’attesa è stata breve e l’attenzione riposta nei nostri confronti è stata alta.
Ma veniamo al dunque; arriviamo e immediatamente scattiamo una foto ai pizzaioli, che sono tre giovanottoni sorridenti e sereni.
Ci viene offerto un tavolo, come sempre siamo in quattro, e subito ordiniamo le pizze, una birra e una bottiglia d’acqua frizzante. Stefano ci spiega che l’impasto che mangeremo stasera è stato preparato mercoledì sera e che dopo averlo fatto lievitare fino  a Giovedì sera è stato poi tenuto in frigo fino a stasera, il tutto per consentire ai lieviti naturali del lievito madre di potersi sviluppare, colonizzando l’impasto e rendendolo soffice, leggero e altamente digeribile. Per verificare la veridicità delle affermazioni di stefano, apriamo immediatamente il cornicione della pizza che ci arriva per vedere se l’impasto è aperto e con grossi buchi, segno evidente dell’effetto dei lieviti sullo stesso.
Ebbene si il primo esame è superato a pieni voti,  il cornicione è alto e con tanti fori all’interno segno evidente che Il gas (anidride carbonica) rimasto intrappolato nel reticolo proteico del glutine ha formato bolle che fanno aumentare il volume dell’impasto  rendendolo soffice (processo di lievitazione), ovviamente maggiori e di più grande dimensione sono le trappole di gas, maggiore è stato il tempo di lievitazione e maggior tempo hanno avuto a disposizione i lieviti per far sviluppare questo gas. ( Magari dedicheremo un articolo a parte alla lievitazione, ora concentriamoci sulla pizza della Fantasia al Litto)
Ordiniamo un giro pizza, una sorta di menù gourmet, per cui ci verranno portate quattro pizze divise in quattro per farci assaggiare vari gusti.
Si parte con una  “Terra Felix”: crema di datterino giallo e limone, scarola riccia, salamino di Venticano, scaglie di pecorino di Venticano. Davvero un abbinamento di ottimo livello, dove vengono esaltate due specialità dell’alto Avellinese, il pecorino e il salamino entrambi eccellenti e ottimi sposi del pomodoro giallo datterino e il limone; a celebrare il tutto come le nozze dell’anno la scarola riccia, vera e propria delizia della gastronomia verde Campana.
Si continua;
“Novella” crema di piselli , provola di agerola, pencetta pepate dell’Irpinia. Ancora una volta, un connubio perfetto, un incontro d’amore tra i prodotti della terra dell’alto Salernitano e  i magnifici salumi dell’Avellinese, la delicata crema di Piselli Cornetto è un fiume dove si poggiano con eleganza l’ottima pancetta pepata e la meravigliosa provola, resa elegante e raffinata dalla presenza dei gherigli di Noci di Sorrento.
Si prosegue, stavolta arriva;
Turca Mediterranea” : salsa di rucola, crema di mozzarella, cruditè di datterino giallo e violetta ai ferri . Non sappiamo perché abbiano deciso di chiamarla Turca Mediterranea, non è chiaro se si tratta di un omaggio al famoso film di Totò il Turco Napoletano o vi siano altri motivi, a noi è sembrato di vedere uno dei coloratissimi arazzi Turchi, ad ogni buon conto, indipendentemente dal motivo del nome, quello che ci ha colpito è stato il fatto che in questa pizza si esaltano i sapori e i colori di un territorio, il Mediterraneo ricco di storia, gusto e tradizione. I pomodori la crema di mozzarella e di rucola altro non sono se non accompagnatori di un impasto fatto a regola d’arte, croccante e soffice nello stesso tempo, senza diventare mai pesante e fastidioso.
Chiudiamo con;
“Pizza al momento” fior di latte di Agerola, ciccioli di maiale, ricotta al limone, porcini. Una pizza fuori menù fatta apposta per noi, per celebrare la nostra presenza nel locale. Come i grandi attori erano in grado di improvvisare senza mai sbagliare la battuta, così Stefano e il suo Staff sono in grado di realizzare una pizza meravigliosa senza prima averla provata. Essenza di due grandi territori ricchi di storia, tradizione e gastronomia, dove il fior di latte di Agerola  e il limone sfusato di Sorrento ben si sposano con la Ricotta delle mucche avellinesi con i Porcini di queste magnifiche colline. Non ha un nome questa pizza, magari la chiameranno ESPERIENZE GOLOSE  in nostro onore e noi ne saremo onorati.
Conclusione con ottimi Dessert.
Che dire, ci sembra evidente da quanto scritto finora che alla Fantasia a Litto si fanno delle ottime pizze, il tutto con estrema semplicità e passione, senza darsi mai delle arie e con estrema tranquillità e serenità che viene trasmessa anche al cliente, che durante le due ore che trascorre in questo locale, si sente tranquillo e sereno.
P.S. Quattro pizze, due bottiglie d’acqua, una birra Fisher e due dessert ci sono costati solo 56 €uro, un prezzo decisamente onesto.
 
Via Garibaldi 48
Quadrelle
Tel. 081 825 7640

antotagl

One thought on “La Fantasia al Litto, il matrimonio perfetto tra gusto e passione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Pizza Fritta alla Pizzeria Zia Esterina Sorbillo di Piazza Plebiscito

dom Apr 2 , 2017
A Quadrelle, paesino di confine tra la provincia di Napoli e quella di Avellino, nasce questo caratteristico e carinissimo posto che si chiama La Fantasia a Litto, ci dicono che si mangia un ottima pizza e che il patron Stefano, utilizzi per i suoi impasti solo lievito madre. Ovviamente abbiamo […]

Categorie